Stile di vita - alimentazione e allenamento
Vera Tirassa - Biologo Nutrizionista Forlì - Cesena - Calisese - Online
9543
single,single-post,postid-9543,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.10,vc_responsive
 

Blog

Cambia la tua vita

Stile di vita

  |   Articoli

Il corretto stile di vita comprende l’alimentazione, l’allenamento e le proprie abitudini (fumo, consumo alcol ecc).

Da nutrizionista parlo sempre dell’importanza della corretta ed equilibrata alimentazi­one. Su questo sito troverete squisite idee creative per alimentarvi in modo corretto e vario. Sottolineo però anche l’importanza dell’attività fisica. Purtroppo spesso osservo, durante le visite nell’ambulatorio, che l’attività fisica viene trascurata fortemente. Purtroppo avere una massa muscolare molto bassa peggiora anche il dimagrimento perché il muscolo influenza positivamente il nostro metabolismo. Infatti, più muscolo abbiamo, più il nostro corpo deve lavorare anche quando riposiamo. Questo significa che possiamo permetterci di mangiare di più oppure che riusciamo a dimagrire più velocemente. Proprio per questo è importante mantenere la massa muscolare durante il dimagrimento ma anche verificare durante i controlli in ambulatorio dalla Nutrizionista, la riduzione del grasso e il mantenimento o incremento del muscolo con attrezzatura specifica come la bioimpedenziomentria (BIA).

 

 

Inoltre, insieme all’alimentazione corretta, l’attività fisica e le abitudini corrette influenzano positivamente i valori del colesterolo buono (HDL), fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

 

 

Uno studio fatto da Gregg et al: HAMA 2003 su circa 10 mila donne, ha evidenziato come l’esercizio influenza la mortalità cardiovascolare in donne anziane. Lo studio è stato condotto su donne di 65 anni con un follow-up di quasi 6 anni. Durante questo periodo sì osservava come l’esercizio o l’inattività influenza la probabilità di andare incontro ad un infarto o altre problematiche cardiovascolari:

 

 

  • Le donne rimaste o diventate sedentarie (linea gialla e rossa) a 65 anni aumentano la mortalità cardiovascolare in termini significativi
  • Le donne che sono rimaste attive oppure sono diventate attive (linea verde e viola) hanno ridotto drasticamente la probabilmente di andare incontro ad un infarto.

 

 

Ovviamente questi effetti positivi (valori ematici, giro vita, mortalità cardiovascolare, massa muscolare = qualità di vita) non si manifestano solo ad un età avanzata ma ad ogni età. Il movimento fisico è altamente “protettivo”.

 

 

Ricordiamoci che la salute è sempre un insieme di cose: l’attività fisica (camminare 30-40 min o esercizi al giorno) è altrettanto importante quanto l’alimentazione corretta. Non è mai troppo tardi per iniziare a cambiare e migliorare e correggere certe abitudini.