Peperoni Estivi: fai il pieno di antipossidanti
Vera Tirassa - Biologo Nutrizionista Forlì - Cesena - Calisese - Savignano sul Rubicone - Online
Nutrizionista
8163
post-template-default,single,single-post,postid-8163,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.10,vc_responsive
 

Blog

Peperoni Estivi

  |   Ricette

100 g di peperone crudo forniscono 22 kcal:

I peperoni appartengono alla famiglia delle Solanacee come le patate, pomodori e melanzane. Non solo la buccia può dare problemi di digestione ma anche la parte bianca, chiamata flavina. Anche i semi sono ricchi di questa sostanza. Una volta ingerita, infatti, resta attaccata alle pareti dello stomaco, anche per diverso tempo ed è proprio questo che ci dà la sensazione di indigestione.

I peperoni sono un’ottima fonte di vitamina C però solo se mangiati crudi perché ad alte temperature viene persa praticamente tutta.


Preparazione

Spargere un po’ d’olio sui peperoni interi e successivamente posarli sulla carta forno. Mettere in forno preriscaldato a 250°  per 30-40 minuti. Ricordate di girarli su di ogni lato facendoli bruciacchiare un po’. L’olio con l’alta temperatura farà rigonfiare la pelle così da essere poi facilmente eliminabile. Non preoccupatevi se ci saranno delle parti un po’ più scure perché successivamente la buccia verrà tolta. Toglietela quando i peperoni sono ancora tiepidi perché sennò sarà più difficile (dopo che i peperoni hanno riposato per 15 min circa). Ricordatevi di togliere pure i piccoli semi senza però metterli sotto l’acqua corrente perché farebbe perdere sapore e sostanze nutritive.
Adesso tagliate con un coltello o con le forbici i peperoni in strisce sottili. Non buttate l’acquetta che perdono perché insieme al prezzemolo e sale darà sapore al vostro piatto. Come potete vedere dalle foto, i peperoni perdono tantissimo liquido. Volendo potete abbinare un formaggio e del pane in modo da creare un piatto unico bilanciato, in alternativa utilizzatelo come secondo.

Fonti:

http://www.pinomessina.it/consigli-cucina/come-rendere-i-peperoni-piu-digeribili.php

http://www.my-personaltrainer.it/tabelle-nutrizionali/PEPERONI-CRUDI.htm